I lavoratori di Eataly sono sottopagati?

“L’imprenditore che non stabilizza i precari è un bastardo” diceva pochi mesi fa il renzianissimo fondatore di Eataly. Adesso ne caccia una sessantina con sole 24 ore di preavviso. A Bologna ha fatto costruire la nuova cittadella dell’alimentazione alla Legacoop, ma a Milano si è rivolto a una ditta rumena con capitale sociale da 110 euro…

«L’imprenditore che non stabilizza i precari è un bastardo» tuonava pochi mesi fa Natale Oscar Farinetti – chiamato semplicemente Oscar – patron di Eataly e uomo d’affari riferimento della sinistra renziana. Se il suo pupillo toscano deve vedersela con «gufi» e «rosiconi», il buon Farinetti è alle prese con i giornalisti «cattivi» e soprattutto con i dipendenti che non si rassegnano al licenziamento. E che si lamentano per tutto, a partire dalla busta paga leggera.

Continua a leggere su Libero Quotidiano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...